Il tuo browser non supporta oppure é stato disabilitao il supporto per gli script.
Alcune parti del sito potrebbero non funzionare correttamente

Come funziona internet

InformaGiovani Anghiari una bussola per navigare nel mare dell'informazione



La rete delle reti:

Il collegamento:

La posta elettronica: quali programmi usare;

  • configurazione;
  • operazioni semplici:
  • -scrivere messaggi:
  • -ricevere la posta;
  • -replica;
  • -inoltra;
  • -allegati:
  • -news group.



LA RETE DELLE RETI

Ma in pratica cosa è Internet? Si può sicuramente dire cosa NON è: non è il paradiso dei pirati telematici, né dei pedofili, né della pornografia; non è un gioco o meglio non è solo quello.
Non credere a chi ti dice: "Basta un clic, e avrai a disposizione le notizie, la piazza, i giochi..." Perché collegarsi a Internet, per chi è più o meno a digiuno di computer, non è così semplice. Allo stesso tempo non credere a chi ti dice che per usare Internet bisogna essere dei geni dell'informatica e sapere l'inglese alla perfezione.
Quindi, se ti svegli una mattina e decidi di collegarti, prendi questa guida e non dimenticare che una conoscenza minima dell'inglese, lingua comune di Internet, è davvero il nécessaire di viaggio del buon navigatore, come indispensabile è non dimenticare mai che Internet, e quindi parte di quello che dirò, è soggetto a variazioni ed evoluzioni continue.

La storia di Internet

Internet nacque durante il periodo della guerra fredda, dal lavoro di un'Agenzia statunitense, l'ARPANET, voluta dal Dipartimento della Difesa per sperimentare la creazione di una rete nazionale di computer e istituire un sistema di comunicazione a distanza indistruttibile anche in caso di attacco nucleare. Come? Eliminando una banca dati unica di smistamento che avrebbe potuto essere un facile bersaglio e preferendo invece, una distribuzione dei dati su più computer, disseminati sul territorio, collegati fra loro tramite linee telefoniche e capaci di inviare e ricevere dati autonomamente.
Finita l'emergenza "guerra fredda" ciò che restava era una buona idea per facilitare e soddisfare studiosi e ricercatori universitari; ogni Campus, per esempio, avrebbe potuto collegarsi ad un altro eliminando le grandi distanze e favorendo l'interscambio di informazioni.
Ma se si collegava da parte a parte l'America, perché non collegare anche il resto del mondo? E così è stato.
Internet è oggi un'entità di scala mondiale che è andata ben oltre il campo della ricerca, ha aperto le strade a nuove comunicazioni e a nuovi business, è insomma un nuovo mass media o, come qualcuno l 'ha definita, una piazza per un mercato davvero globale.

 Il funzionamento

Per capire cosa è Internet devi necessariamente conoscere il significato di rete: due computer che comunicano tra loro, cioè inviano e ricevono dati reciprocamente tramite un cavo, sia elettrico che telefonico, costituiscono una rete. Se ai due si aggiunge un terzo computer e poi un quarto ed un quinto e via dicendo, la rete diventerà sempre più articolata e piena di risorse.
La rete permette ad ognuno dei computer che ne fanno parte di sfruttare dati e risorse presenti su tutti gli altri.
Se hai compreso cosa è una rete comprenderai certamente cosa è Internet, che non è altro che l'unione di tante reti come quella sopradescritta: infatti il termine Internet deriva da Internetworking cioè interconnessione di reti. Internet è la più grande rete che esista.
Ad oggi è impossibile indicare il numero di computer che fanno parte della grande rete così come è impossibile tracciare una geografia dei cavi utilizzati allo scopo di trasferire i dati.
Tutto questo per vari motivi:
Innanzitutto Internet non utilizza solo cavi dedicati alla rete ma anche le normali linee telefoniche.
Inoltre le macchine che costituiscono la grande rete vanno distinte tra quelle dedicate, cioè collegate 24 ore su 24 e quelle che si connettono solo per brevi periodi come potrebbe essere il tuo caso. Il tuo computer farà parte di Internet solo quando avrà stabilito il collegamento.
Si devono distinguere i computer che permettono l'accesso al proprio interno da quelli che invece sono protetti dalle intrusioni. Ad esempio se ti collegherai ad Internet il tuo computer sarà certamente protetto e nessun altro utente della rete potrà vedere i tuoi documenti o introdursi sul tuo hard disk.
Compreso questo si possono distinguere i computer di Internet in due grandi categorie: Server ed i Client. Sono server quelli permanentemente connessi e accessibili da parte di terzi, quindi capaci di fornire dati e gestire più utenti contemporaneamente. I client invece, sono i computer che accedono solo temporaneamente alla rete e che non permettono l'accesso di altri.
I computer che costituiscono questa grande rete in costante mutazione sono diversi tra loro per motivi di varia natura come la componentistica hardware, il software - a cominciare dai sistemi operativi - specifiche tecniche e capacità di calcolo.
Ma come fanno tutte queste macchine, così diverse e a volte incompatibili, a capirsi e a comunicare tra loro? Tramite gli standard di comunicazione, chiamati PROTOCOLLI. Per chiarirti come funziona un protocollo puoi pensarlo come una lingua universale valida per tutti. I protocolli di Internet utilizzano un codice comunicativo comprensibile da tutti i computer e proprio per questo riescono a correlare macchine sostanzialmente diverse come un Macintosh ed un Personal Computer.
Naturalmente è fondamentale che ogni macchina sia dotata del software capace di utilizzare questi protocolli. Il protocollo principale di Internet è il TCP/IP (Protocollo per il controllo della trasmissione/Protocollo Internet); in sostanza il TCP/IP è lo standard di codifica e decodifica dei dati inviati e ricevuti dai computer connessi a Internet. Oltre al TCP/IP, ci sono protocolli applicativi che hanno una funzione specifica. I più utilizzati sono:

PPP - Regola la comunicazione tra modem attraverso linee telefoniche;
HTTP - Regola il trasferimento degli ipertesti sul World Wide Web;
SMTP - Regola l'interscambio di messaggi di posta elettronica;
FTP - Regola la semplice trasmissione e ricezione di files.
NNTP - Permette la gestione di forum di discussione su Usenet (Newsgroups)

Ogni trasferimento di informazione sui cavi di Internet avviene secondo le regole del protocollo TCP/IP e a seconda del tipo di operazione che si sta compiendo in base alle regole del protocollo specifico.
Ad esempio: Se stai inviando una lettera interverrà il TCP/IP a regolare l'invio dei dati e SMTP regolerà le procedure specifiche relative all'invio di messaggi.

 

IL COLLEGAMENTO

Allora sei pronto per entrare nella rete?
Ma cosa ti serve per farne parte?
Immagina che Internet sia una grande autostrada e tu un viaggiatore:
Cosa ti serve per viaggiare?


Il computer

Il tuo computer è la tua automobile.
Per sostenere l'accesso ad Internet la tua macchina dovrà, come minimo, disporre di un processore 486 a 25MHZ e 8 Megabyte di memoria RAM. Questi requisiti sono quelli minimi e basteranno a consentirti un ampio sfruttamento delle risorse presenti su Internet sebbene capacità di calcolo più alte (pentium I, II, III) e maggiori quantità di memoria RAM ti garantiranno prestazioni e rendimenti notevolmente migliorati in termini di qualità e velocità.

Il software

La tua automobile dovrà avere le ruote: in altre parole il software di rete! Devi infatti avere con te il protocollo TCP/IP, peraltro già presente su Windows 95 e 98. Se hai una versione precedente dovrai installarlo personalmente. Tutti gli altri protocolli specifici vengono inseriti automaticamente con i programmi che userai.

Ad esempio: Non dovrai installare il software per il protocollo SMTP perché si aggiungerà automaticamente assieme al programma che userai per gestire la posta (Eudora, Netscape mail, Outlook, Pegasus, etc..).
Oltre al software dei protocolli dovrai averne installato anche uno che permetta alla tua macchina di fare la connessione, cioè telefonare via modem al provider. Questo software è generalmente già preinstallato assieme al sistema operativo (Es. Windows95 ha il software di accesso remoto).

Il modem

Sicuramente la tua macchina sarà dotata di motore, altrimenti come faresti a viaggiare? Questo è il modem.
Come indispensabile è il motore per un auto, così è il modem per il tuo computer. Il modem non è altro che un piccolo apparecchio che converte i segnali digitali che riceve dal computer in segnali analogici, in grado cioè di viaggiare sulle linee telefoniche; logicamente è in grado di effettuare anche l'operazione opposta cioè convertire i segnali da analogici in digitali. Oltre alla conversione dei segnali compie anche l'importante funzione di spedire: è per questo l'ho paragonato al motore.
Nella scelta del modem è importante tenere conto della velocità di trasmissione. Se è vero che i modem più potenti sono anche i più costosi, è anche vero che più sarete veloci, minori saranno i tempi di collegamento; ecco perché non ha molto senso acquistare un modem con una velocità minore di 28.800 bps.

La linea

Hai tutto il necessario per iniziare il viaggio e adesso devi entrare nell'autostrada digitale.
Ma fisicamente da cosa è costituita questa autostrada?
Dalla linea telefonica.
Se hai in casa un telefono, hai davanti a te la strada, anche se, naturalmente, per percorrerla pagherai un pedaggio commisurato al tempo di durata del tuo collegamento, come per una qualsiasi telefonata urbana.
Distinguiamo però le linee analogiche (linee telefoniche a doppino di rame, quelle normali per intenderci!) che garantiscono una velocità limitata, da quelle digitali ISDN che ti permettono una velocità di gran lunga superiore (indispensabile per videoconferenze o trasferimenti continuati di grandi quantità di informazioni). Attento però, una linea digitale costa un canone annuo notevolmente superiore a quello che sei abituato a pagare per il tuo telefono, anche se ti garantisce più linee con uno stesso abbonamento. Tieni comunque conto che per il collegamento a Internet via ISDN ci vuole un modem apposito.

Il provider

Adesso cerca il casello per entrare nell'autostrada! Il Provider. Quando telefoni devi comporre un numero, perché solo quel numero raggiungerà la persona che stai cercando; nello stesso modo il tuo modem dovrà comporre il numero del provider per poter accedere alla rete.
Il provider ti consente di accedere alle autostrade dedicate ad Internet o meglio ai computer dislocati su queste autostrade. "Provider" significa fornitore di accesso e per il servizio che eroga dovrai pagare un corrispettivo periodico, anche se stanno nascendo iniziative di alcuni provider che offrono abbonamenti a costo zero in cambio della possibilità di inviarti pubblicità via email.
La scelta del fornitore di connettività può avere una grossa importanza: pensa ad un casello sempre intasato dove ti tocca fare ore di coda, o peggio ancora che di tanto in tanto è chiuso per troppa affluenza. Per evitare che ciò accada, al momento della scelta del tuo Provider, informati su quanti modem abbia per garantirti la linea "libera" e che tipo di potenza ha la linea stessa cui avrai accesso.
Assicurati poi che ti possa offrire una seria assistenza, sia per configurare il collegamento iniziale, sia per iniziare a navigare; ed eventualmente, all'occasione che possa anche rappresentare un punto di riferimento e di aiuto costante.
Chiedi notizie ai provider e/o ai tuoi conoscenti che già sono abbonati per informarti del servizio che hanno ricevuto.

:-) Se tutto funziona basterà cliccare su "connetti" ed inserire il tuo user name e la tua password che ti devono essere state fornite dal provider al momento dell'abbonamento. Adesso che hai tutto quello che ti serve, che aspetti? salta in macchina e parti!!

 


Anghiari, uno dei Borghi più belli d'ItaliaAnghiari, Paese Bandiera ArancioneAnghiari Città SlowAnghiari Città per il verde P.IVA 00192250512
Codice IBAN IT 57 V 08345 71310 000000003735 c/o Banca di Credito Cooperativo di Anghiari
Piazza del Popolo 9, ANGHIARI (AR) Tel. +39 0575 789522 - Fax +39 0575 789947
E-mail: protocollo@comune.anghiari.ar.it - PEC comune.anghiari.ar@postacert.toscana.it
Developed by Arezzo Telematica srl